mercoledì 2 aprile 2008

sconcerto


“Dorothy. Sconcerto per Oz”, il nuovo lavoro di Fanny & Alexander (l’uso del termine “spettacolo” sarebbe puramente simbolico), porta la drammaturgia di Luigi de Angelis e Chiara Lagani a un punto di non ritorno, a una ridefinizione degli assetti teatrali realmente sconcertante con la quale occorrerà fare i conti da ora in poi. In un teatro trasformato in una sorta di luogo di rifugio da un metaforico ciclone Dorothy, gli spettatori si trovano però presto coinvolti in un altro ciclone, interno, proprio lì dove dovrebbero essere al sicuro, un ciclone che lentamente ma inesorabilmente sconvolge la morfologia del codice “platea-palcoscenico” in tutti i modi possibili. Con un deragliante effetto domino le figure delle tre streghe del Mago di Oz invocate da un bizzarro direttore d’orchestra – dalle inquietanti ma assurde fattezze hitleriane – si diffraggono su altrettante attrici impegnate nell’interpretazione di personaggi femminili landolfiani, ai quali per sinestesia si associano i “colori” di tre soprano e ancora di tre musiciste, tutte impegnate nel loro personale, scollegato, compito interpretativo. Tutto ciò potrebbe sembrare d’acchito un caos totale, ma in realtà il disordine è organizzato nei minimi dettagli, secondo i concetti di casualità e silenzio di John Cage, le cui “Europeras” sono di Dorothy una delle linee guida. E’ anzi evidente che a ben guardare il groviglio espressivo messo in atto è spesso lucidamente allineato in sottotrame perfettamente comprensibili, per cogliere le quali De Angelis e Lagani chiedono però uno sforzo in più, un’attenzione diversa dal solito, un contratto fatale tra opera e spettatore. Avanzando lungo quelle che sembrano traiettorie espressive – drammaturgiche, musicali, vocali – completamente anarchiche, sempre in bilico tra la situazione reale del disastro e quella fantastica di Oz, in uno spazio che non ha più confini canonici – parte del pubblico è alloggiata sul palcoscenico su dei lettini d’emergenza, insieme ad alcune delle interpreti –, lo (s)concerto per Oz assume sempre più i tratti di un linguaggio artistico inedito, di un meccanismo creativo del tutto nuovo, in grado di far scaturire quell’incomprensibile ma contagiosa energia che solo i rivolgimenti epocali celano in sé. Fino alla rivelazione conclusiva che l’intenzione di tutto ciò, forse, è proprio il non avere alcuna intenzione. Dorothy non è una irreversibile negazione del teatro, piuttosto uno degli atti d’amore più grande verso di esso mai realizzati.

7 commenti:

diego ha detto...

Un ciclone ieri si era realmente abbattuto su Ravenna, un cielo giallo e nero, elettrico e minaccioso, mi ha condotto a teatro con i presupposti migliori... mi sono steso sul quel materissino e, come un bambino, ho seguito gli avvenimenti a bocca aperta. Timore e sgomento, leggerezza e ilarità... sono solo alcuni dei frammenti emotivi che ho potuto raccogliere e qui riportare. Ce n'erano a migliaia... vorrei rivedere questo 'spettacolo' più volte perchè necessita di diversi punti di vista (nel senso fisico dei termini), per vivere il maggior numero possibile di sue sfaccettature (impossibile viverle tutte). Dunque teatro anche come luogo fisico da sfruttare a 360 gradi, con luci, voci, oggetti, strumenti, movimenti... davvero, un'esperienza straordinaria.

ps: Marco Cavalcoli (Him) è immenso, irresistibile.

Morphine ha detto...

Infatti rivederlo ieri sera mi ha emozionato ancora di più, quasi commosso. E un messaggio a chi, anche ieri, se ne è andato a metà o ha commentato schifato ad alta voce per tutto il tempo: il problema non è di Dorothy, il problema è vostro.

diego ha detto...

IO dissi: "mah, non ho camicia e cravatta, in questo teatro, con questi..."

DUST disse: "...questi BABBIONI? Stasera ne facciamo fuori qualcuno!"

Anonimo ha detto...

Uscirà a breve un'antologia comprendente i salaci commenti raccolti in sala dalle attrici, alcuni onestamente geniali, tipo (rivolto a Him): "E stai zitto, non vedi che stanno cantando?". E grazie davvero, vedervi tra il pubblico è sempre un grande piacere.

Anonimo ha detto...

Hello I just entered before I have to leave to the airport, it's been very nice to meet you, if you want here is the site I told you about where I type some stuff and make good money (I work from home): here it is

Morphine ha detto...

Adam: ma vedi d'annattene...

Anonimo ha detto...

arriva in ritardo il mio commento ma, dato che l'emozione per ciò che vidi si sta prolungando fino ad oggi, sono ancora in tempo ad esprimere il mio parere vivo e vegeto.
d'accordo con tutto quello che è già stato da voi scritto posso solo aggiungere che questo spettacolo mi ha fatto pensare che i Fanny & Alexander stanno al teatro come David Linch sta al cinema. In questo spettacolo non era importante capire la trama, anche perchè non ve ne era solo una ma tante sovrapposte, era importante esserci e rendersi conto che lo sconcerto è intorno a noi. è finito il tempo di essere semplici spettatori è arrivato il momento di essere consapevoli e responsabili. Il momento di farsi delle domande, perchè le cose vanno come noi permettiamo che vadano...
complimenti agli artisti, attori, musicisti, tutti. grazie.